Qui nelle terre di mezzo, il giorno Venerdì 13 porta con se una certa sfiga. Chi  non ricorda i vari film horror, semi horror e decisamente splatter dai titoli come "Venerdì 13" o la saga su Halloween che sfiga vuole cada sempre di venerì 13 quindi meglio stare in casa, anzi no, che non si sa mai che venga su dalla cantina un Jason, oppure ti perdi in un villaggetto australiano e ti ritrovi infilzata in ganci da macellai, perchè il tipo e si sentiva solo, e la mamma aveva abusato di lui quando era piccolo, e lo zio lo picchiava insomma tutte persone dall infanzia turbata che un hanno meglio da fare che romperti i coglioni a te in vacanza nel villaggetto sperduto o accampato in tenda a Wolf Creek, landa desolata Australiana che se mai dovessi andare in vacanza da quelle parti eviterò come la peste. Ipperò so strani assai codesti inglesi. Perchè? Perchè chi si sognerebbe mai in Italia di fare come regalo nuziale o nunziale (opps!!!) anyway, dicevo chi si sognerebbe di regale un gatto nero? Da noi se lo trovi in mezzo alla via, aspetti che passi un altro in macchina, che si dice porti male il gatto che ti taglia la strada, io direi che porta piu male a lui che a volte finisce volente o nolente sotto le ruote. Qui non hanno il piano 13 le stanze con il numero 13, anno 12bis come il famoso articolo della famosa legge presa in giro italiana.
Qui si da adito al 13, allo specchio rotto, come da noi, e credo all’olio, ma non ne sono convinta non essendo gli albionesi utenti dell’olio d’oliva. Io che sono strega, quindi per mia natura non supertaziosa, non mi inscaramantisco (so che non è corretto) nè di 13 nè di 17, ho volato tante volte, aereo vuoto che i business man sono superstiziosi. La suspertizione è ignoranza ho sempre pensato che al supertizioso va male eprchè è tale la paura che se la tira da se la jella! Ho tanti tanti ma davvero tanti esempi. Da noi in Italia ce ne sono di tutti i colori, cappello su letto, specchio e disgrazie, gatto nero, sale, olio, scala – uh quante volte son passata sotto la scala so ancora viva – lo iettatore, il colore viola, le nomee che ti metto addosso le persone, ecco in quei casi si vorrei che la sfiga ricadesse sull’untore e su tutta la sua generazione, perhcè il passa parola malefico uccide! Detto ciò io oggi di venerdì 13 ho il mio ultimo esame. Ora vado, mi sono distesa i nervi con Panariello fatta discreta colazione. Viva i gatti neri,che qui in Albione fanno del bene.

Advertisements