Tea at the Apothecary

Oggi dopo un discreto tempo, che ha incluso studio, esami, stress, sono tornata a Rye da visitatrice e non da moderna pendolare da doppio bus.Così ho giorvagato per il mercato, ammirato gli stand con la paccottaglia, che qui però funziona, provato le cremine per le mani e il profumo alla lavanda, che mi piace tanto, mi sono gustata il mio tea nel mio cafè preferito The Apothecary, che è anche un bed&breakfast. Di recente è stato menzionato nella rivasta Homes & Garden magazine. A me piace moltissimo per via delle poltrone di pelle, rovinate al punto giusto, le pareti piene di libri, l’atmosfera familiare, la musica classica di sottofondo. Il tea viene servito in ampie teiere di ceramica, così che ci si può avvalere di extra tea, ci sono dei biscottini che vengono dati al momento, più una vasta e ampia scelta di torte dalla Victorian sponge alla più semplice Lemon sponge, mini brownies, muffins ma anche pastry, vegetariane e non. Cereali, succhi di frutta organici, home made sandwich. Insomma è un angolo di buone maniere, di musica rilassante, fa un pochino posh se vogliamo, ma anche "sono passata a bere il tea dalla mia amica". C’è da dire che in origine tra il XVII e XIX Secolo the apothecary non era altro che il negozio del farmacista, speziale possiamo anche dire. Tant’è che quelle che erano una volta mensole  per contenere quei mangnifici vasi di ceramica delle antiche farmacie, sono stati sostituiti con preziosi libri, ma si possono ammirare ancora. Vasi contenenti preziose erbe mediche e boccettine contenenti arsenico e magari curaro, sono state sostiuite piacevolmente, da ottimo tea, torte fatte in casa, quotidiani sui tavoli, poltrone molto comode, piccoli divani. Intanto gustatevi il mio tea.

Advertisements