you and I

L’altro giorno chiacchierando ti ho guardato e ti ho detto “ma lo sai che sono già 7 mesi?” la risposta è stata “no di già?”. Non ci ho fatto assolutamente caso al tempo che è trascorso, non abbiamo esattamente una data da considerare come “anniversario” e neanche mi importa molto di questo, so e sappiamo che è da Maggio, che sia il primo giorno del mese o nel mezzo o alla fine che importanza ha! Il mio averci pensato non è dovuto alla mancanza di celebrazione, ma alla semplicità di come questi mesi siano passati. Mica tutti rose e fiori nel senso che discutiamo, ci teniamo il broncio quel tanto che basta poi mi guardi ridi e a me passano tutte le incazzature e ho solo voglia di restare li incastonata negli abbracci  che mi dai e che mi fanno così bene. Il post discussione, che poi non è mai un litigare ma uno scambio decisamente “focoso” per temperamenti simili di opinioni che finisce con te che mi prendi in giro, imitandomi in cucina mentre sbatto ogni singolo pensile e soprattutto la mossa, che a tuo dire è mia, mentre prendo a ginocchiate la porta del forno che normalmente a mano non si chiude…e ridi…ridi…ridi con le lacrime e io che magari ho ancora le palle girate, ti guardo e rido e puff passa tutto.

Ho foto di noi due nel cellulare, ne pubblico poche anzi quasi nessuna dove siamo insieme, ma frammenti di noi due, soprattutto di te, chi sa ti ha visto, ma ho deciso di tenere il tutto per me, io che non ho problemi a condividere sul caro FB stavolta ho detto no, la curiosità di certe persone non è di solito per il mio bene ma per il loro bisogno di riempirsi la vita bieca e vuota con i cazzi altrui, in questo caso i miei e allora stavolta, no, niente foto nostre, anche se ce n’è una che vorrei tanto mettere in b/n, dove mi abbracci e mi baci sul collo ed effettivamente ho una tale espressione beata che a volte ho paura. E già, ogni tanto mi sale la paura perchè non sono abituta a questa tranquillità, fatta di rispetto, tempo passato insieme che adoro, gentilezza e premura nei miei confronti e soprattutto niente drammi.

Ho tutto quello che mi fa stare bene, te, i gatti, il cane e non posso neanche spiegare a chi non riesce a capire, quanto questo a me basti e quanto questo rispecchi me. Sì amo viaggiare, amo fare le foto, amo stare per i cazzi miei a volte, ma mi spiace deludervi io ho sempre voluto avere animali, ma non ho mai potuto e anche se sì a volte mi lamento perchè i gatti fanno come gli pare, mi hanno distrutto l’albero di natale quando erano ancora dei piccoli batuffoli rossi, nonostante lo scratching post, preferiscono la moquette – che non ha neanche 1 anno di vita – e le mostre delle porte, quando mi vengono in braccio e mettono la loro testolina sotto al mio mento, quando l’anno scorso non mi lasciavano mai sola, io li amo punto e basta e ora si è aggiunta questa ciambella rossa, che al momento ronfa al mio fianco, che mi guarda con gli occhi languidi quando la devo lasciare sola per andare al lavoro, che mi corre incontro quando mi viene a prendere al lavoro, che si gira mentre camminiamo se invece di essere di fianco sono dietro e si ferma e non si muove se io non li raggiungo, ecco a me questo mi fa stare bene, questo è quello che mi piace avere e vivere e se potessi aggiungerei due altre cose, una casa nella campagna inglese ma pure italiana, dove lo spazio per loro sarebbe senza limiti, aggiungerei delle galline, orto e alberi da frutta, 1 mucca per il latte, 2 cavalli e una stufa aga…e sarei la persona più felice su questa terra. Mi potrei dedicare a tutto quello che mi piace, hobby and craft…sto invecchiando! ma stica, mi piacerebbe invecchiare così! con l’odore del camino in casa, il silenzio fuori.

Advertisements